Processionarie rimedi: consigli e idee

Processionarie rimedi: consigli e idee

Debellare la processionaria richiede degli interventi mirati ma andrebbero esclusi i metodi fai da te poiché potrebbero rivelarsi pericolosi per la salute e poco efficienti. È risaputo: quando arriva la primavera la natura rinasce, spuntano i fiori e le foglie sugli alberi, gli animali escono dal letargo ma con l’arrivo di questa bella stagione spunta anche la processionaria. Scopriamo come affrontare questo infestante e quali sono i rimedi più utili per debellarlo in modo definitivo.

Cos’è la Processionaria?

La processionaria è un parassita infestante che si trova prevalentemente nel territorio mediterraneo: trae il suo nutrimento dagli aghi delle conifere come larici o querce. Le caratteristiche particolari di questo insetto permettono di riconoscerlo ed individuarlo rapidamente, infatti sarà facile notare dei filamenti bianchi rilasciati dall’esemplare sulle piante o sugli alberi infestati. In presenza di processionarie, l’aspetto fondamentale per evitare che la diffusione si aggravi è quello di individuare l’infestazione il prima possibile ed intervenire tempestivamente poiché il contatto con tale infestante rappresenta un serio pericolo per l’uomo e gli animali. Se ci si imbatte nella presenza di questo pericoloso insetto bisogna agire immediatamente ma non sempre si sa cosa fare e quali sono le soluzioni più valide per de

bellarlo. Tuttavia, grazie ad alcuni semplici accorgimenti è possibile eliminare la processionaria in poche e semplici mosse e salvaguardare la propria salute.

Quando bisogna eseguire una Disinfestazione Processionarie?

La processionaria, dal nome scientifico Thaumetopoea pityocampa, viene chiamata in questo modo a causa di una sua particolarità, ovvero il suo modo di spostarsi e avanzare molto simile a quello di una processione. La processionaria tende ad essere molto attiva una volta fuoriuscita dal nido: durante questo periodo inizierà ad avanzare lungo le cortecce di alberi e si nutrirà degli aghi delle conifere provocando una lenta necrosi. Di conseguenza anche le piante verranno completamente defogliate e distrutte. La processionaria è quindi un insetto molto pericoloso, a tal proposito per legge è obbligatorio eseguire un’accurata disinfestazione poiché oltre a rappresentare un grave pericolo per l’uomo e gli animali, danneggia la salute di alberi e piante. È sufficiente un lieve contatto con questo parassita per far sì che rilasci l’istanima, una sostanza urticante che contaminerà non solo il punto di contatto, ma anche il resto del corpo provocando l’insorgere di gravi eritemi. A tal proposito non appena insorgono le prime sintomatologie è bene rivolgersi immediatamente ad un medico o al pronto soccorso e curare il problema mediante trattamenti professionali ed efficaci.

La disinfestazione della processionaria deve inoltre essere effettuata in un periodo specifico al fine di garantire la massima efficacia del trattamento: si consiglia di agire prevalentemente tra la primavera e l’estate, quando il parassita è ancora nella fase larvale e si farà in modo di impedire il suo sviluppo ed evitare che si trasformi in una vera e propria minaccia.

Processionarie: rimedi per la disinfestazione

Bisogna sottolineare che per legge è obbligatorio combattere la processionaria del pino in base alle normative e ai decreti che rendono necessaria la sua eliminazione. Se la presenza di questo insetto infestante non viene debellata si potrà incorrere in multe salate che si aggirano intorno ai 250 e 1500 euro. I rimedi più diffusi per eliminare la processionaria sono:

Diffusione del Bacillus thurigiensis: si tratta di un insetticida economico comunemente usato per eliminare le larve e in grado di garantire ottimi risultati. Può essere applicato su vari territori come boschi, parchi o giardini.

Collocazione di trappole meccaniche: si tratta di un sistema meccanico che viene collocato lungo le radici del tronco con l’obiettivo di catturare le larve quando cercano di arrivare al suolo.

Collocazione di trappole ai feromoni: questa tipologia di strumento è molto efficiente, in particolare aiuta a tenere sotto controllo lo stato riproduttivo del parassita per individuare gli esemplari maschi e monitorarne la diffusione.

Rimozione meccanica del nido: si tratta di un’operazione particolarmente rischiosa che richiede numerosi accorgimenti, pertanto deve essere eseguita da un esperto qualificato il quale dovrà indossare delle protezioni specifiche, essere dotato di una scala e di un’attrezzatura adeguata.

Impiego degli insetti predatori: un’altra soluzione efficace e completamente naturale per sconfiggere la processionaria durante una disinfestazione è l’impiego di insetti predatori come la formica rufa o i ditteri tachinidi. Si tratta di un rimedio molto valido che viene spesso impiegato anche dalla guardia forestale per debellare le processionarie.

Ognuna di queste soluzioni è funzionale e può assicurare i risultati desiderati, tuttavia sono rimedi rischiosi e complessi che devono essere messi in atto esclusivamente da mani esperte in seguito ad attenti sopralluoghi e monitoraggi lungo le zone colpite.

Quanto costa un Servizio di Disinfestazione Processionarie?

Il costo di una disinfestazione processionarie può variare a seconda dell’ampiezza delle zone da trattare o delle specie di piante ma in presenza di questo insetto non bisogna mai sottovalutare il problema e occorre rivolgersi immediatamente ai professionisti del settore che stabiliranno una soluzione personalizzata in seguito ad un accurato sopralluogo. In conclusione, se la disinfestazione della processionaria viene eseguita immediatamente da uno staff qualificato sarà possibile salvaguardare la propria salute e quella delle piante e assicurarsi che l’ambiente sia completamente sicuro.