Come eliminare le formiche?

Come eliminare le formiche?

Come eliminare le formiche che infestano casa e giardino?

Di per sé la formica non è certo un insetto pericoloso, ma la sua presenza in casa o all’esterno è inevitabilmente fastidiosa e problematica. Le infestazioni generalmente coincidono con l’arrivo della stagione calda, ma non è da escludersi che avvengano in pieno inverno. Quel che è certo, a prescindere da quando accada, è che il problema dev’essere risolto tempestivamente e non appena si manifesta, non fosse altro per evitare che l’infestazione raggiunga livelli ancor più allarmanti. La prima cosa da fare per eliminare le formiche è capire da dove provengano. Per farlo basta seguire la scia, laddove presente, oppure osservare per un po’ un paio di formiche e seguirne gli spostamenti: le colonie di solito sono impegnate in un continuo andirivieni tra il formicaio e la zona infestata, per cui non dovrebbe essere troppo difficile individuare la fonte dell’infestazione e correre ai ripari per debellare tutti gli insetti.

Farina fossile per eliminare le formiche: funziona?

Solo una volta compreso quale sia effettivamente il quartier generale delle formiche potremo metterci in moto ed individuare la soluzione migliore a nostra disposizione. L’insetticida generalmente reperibile in commercio è sì in grado di risolvere immediatamente il problema, ma il suo impiego richiede non poche accortezze: innanzitutto è tossico, ragion per cui inalarlo potrebbe essere pericolosissimo, e in più, anche a distanza di tempo dall’applicazione, è potenzialmente nocivo per i bambini e per i nostri amici a quattro zampe. Meglio usare qualcosa di meno invasivo e magari di naturale, allora, così da tutelare la salute degli inquilini senza metterla inutilmente a repentaglio. La prima soluzione che intendiamo proporvi in questo senso richiede l’utilizzo di una farina fossile per uso alimentare, da spargere nelle aree della casa o dell’esterno che vi paiono più frequentate dalle formiche. Questa polvere è abrasiva e al tempo stesso assorbente: nel momento in cui la formica entra in contatto con essa, il rivestimento ceroso che protegge il corpo dell’insetto verrà subito danneggiato e la formica morirà, lentamente, per disidratazione.

Acqua e aceto bianco per debellare la colonia di formiche

Anche l’aceto bianco, così come la farina fossile per uso alimentare, è portentoso quando si tratta di eliminare le formiche. Basta preparare un composto usando acqua e aceto in parti uguali e versarlo in un flacone spray, per toccare con mano quanto efficace sia quello che è da sempre considerato uno degli alleati più preziosi nelle pulizie domestiche. La soluzione dovrà essere vaporizzata sui punti d’accesso della casa quali, ad esempio, battiscopa, balconi e finestre, ma può essere nebulizzata direttamente anche sulla stessa colonia di formiche. Per sterminarle completamente ci vorrà qualche ora, ma è bene precisare che il trattamento dovrà essere ripetuto almeno una volta a settimana, soprattutto durante la stagione calda.

Acqua e detersivo per i piatti per proteggere le zone a rischio

C’è un’altra soluzione ancora, rapida ed economica, che è possibile prendere in considerazione quando si ha necessità di eliminare le formiche che hanno invaso la nostra casa o lo spazio esterno ad essa attiguo. Stavolta utilizzeremo un comune detersivo per i piatti che uniremo – anche in questo caso in parti uguali – con dell’acqua, all’interno di un flaconcino provvisto di apposito erogatore. La soluzione dovrà essere spruzzata sulle formiche oppure, all’occorrenza, su delle zone ipoteticamente a rischio, ma anche su mobili da esterno e piante. Servirà a scoraggiare l’invasione degli insetti e a proteggere, di conseguenza, sia la casa che le superfici esterne. Questa soluzione, badate bene, non danneggia in alcun modo le piante, per cui non abbiate timore di nebulizzarla su di esse.

Talco e trappole adesive per prevenire l’invasione delle formiche

La quarta soluzione è veramente low cost ma piuttosto efficace. Prevede l’impiego, stavolta, di una dose generosa di talco da disseminare in tutti i possibili punti d’accesso di cui è provvista la dimora. Se si tratta di un appartamento in condominio lo spargeremo sui davanzali delle finestre e sul ciglio dei balconi, mentre nel caso in cui si viva in una casa indipendente sarà necessario disseminarlo lungo l’intero perimetro della casa, per avere l’assoluta certezza che le formiche ne staranno alla larga. Questo rimedio è comunque puramente preventivo, nel senso che la barriera di talco servirà ad evitare che nuovi insetti s’intrufolino in casa. Quelli che sono già riusciti a penetrare dovranno invece essere eliminati diversamente, optando magari per una delle soluzioni precedentemente illustrate. Sempre a scopo preventivo si può valutare, infine, l’idea di acquistare delle trappole adesive da posizionare laddove generalmente le colonie, non solo di formiche, tendono a concentrarsi. Sono utili per le formiche ma anche per ragni, scarafaggi, acari ed altri parassiti non volanti.